top of page

 infiorata

di

casatori

LOTTERIA DI BENEFICENZA

estrazione.jpg

via Toria 29

t84010 San Valentino Torio SA

Contact

+39 081939120 - +39 3471063303

infiorata di casatori

Dal 1996, la terza domenica di settembre, in occasione dei festeggiamenti in onore di Maria SS. Addolorata, patrona della comunità parrocchiale e compatrona della città, si svolge l’Infiorata di Casatori. Nata con l’intento di riportare il piccolo centro all’attenzione degli addetti ai lavori nel campo dell’agricoltura e del commercio, nonché inserirlo come tappa negli itinerari turistici, è oggi tra le più apprezzate manifestazioni della regione.

Al centro della frazione si realizzano tappeti floreali che si ispirano ad un tema religioso che, ogni anno, viene deciso dall’Associazione culturale “Le Vie dei Colori”, nata proprio con l’intento di promuovere e valorizzare questa particolare forma d’arte.

 

Il sabato pomeriggio che precede la festa, dopo l'allestimento di una adeguata copertura, gli infioratori lavorano chini a terra per realizzare meravigliosi capolavori.

Dal 1998 si realizza il “Festival delle Infiorate” che ospita altri comuni d'Italia, sempre nello stesso anno è nata  “Piccoli Infioratori”, l'infiorata dei ragazzi,   ispirata a temi legati al mondo dei ragazzi.

Home: Chi siamo

PROGRAMMA

Martedì 12 e Mercoledì 13 settembre 

dalle ore 16,30 alle ore 22,30 Capatura e taglio dei fiori 

Venerdì 15 settembre 

ore 20,00 - Omaggio Floreale alla Vergine Addolorata 

Sabato 16 settembre 

ore   9,30 - Allestimento della XXV edizione nazionale dei Piccoli Infioratori dal tema: “Festival di Sanremo“

ore 16,00 - Allestimento dei tappeti floreali per la XXVIII Edizione dell'Infiorata di Casatori dal tema: “Azione Cattolica: un carisma che continua” e del XXV Festival delle Infiorate con i paesi ospiti.

ore 19,00 -  S. Messa e Affidamento alla Vergine Addolorata di tutti gli Autotrasportatori presso OML S.r.l. – Officine Meccaniche Longobardi, via Zeccagnuolo

ore 21,30 -  Momento Istituzionale con Autorità e paesi ospiti. Premiazione concorso bozzetti per i ragazzi

ore 22,30 - Spettacolo musicale con I Movida Live Band e la partecipazione di Anthony

Domenica 17 settembre 

ore 19,30 - Solenne celebrazione presieduta da don Alessandro Cirillo, parroco di S. Giacomo Maggiore Apostolo con la partecipazione di Autorità Civili e Militari

ore 20,30 - Spettacolo musicale con Skizzekea

ore 21,00 - Spettacolo musicale con Passione Live Trio e la partecipazione di Kekko Dany

ore 23,00  - Regale passaggio della Venerata Immagine della Madonna sui tappeti di fiori

A conclusione spettacolo Pirotecnico di Luci e Colori

Domenica 01 Ottobre

ore 20,00 - Estrazione premi Lotteria di Beneficenza

 

Man Infiorata 2023.jpg

realizzazione

La realizzazione dei tappeti è il risultato di un complesso e non facile lavoro, che richiede giorni, settimane e mesi  di paziente e sapiente opera di molte persone  cui vengono distribuiti i compiti di disporre il lavoro con armonia di intenti, nella ricerca e raccolta di fiori e foglie, nella cura e nel mantenimento di essi, nella capatura dei fiori e selezione dei petali, nonché nello studio del bozzetto nella loro finale disposizione.  Durante il pomeriggio che precede la festa, gli infioratori lavorano sulle strade chini a terra, per disegnare, deporre e disporre milioni e milioni di petali, capaci di produrre quei meravigliosi capolavori d’arte antica e moderna, così carichi di suggestione, e collegati ai temi non solo della tradizione ma anche di una moderna attualità.  Il risultato forse, ancora più bello, è quello di vedere il meraviglioso esempio di partecipazione dei fedeli, i quali, tutti insieme e sotto la guida di alcuni coordinatori, sono lasciati liberi alle loro doti artistiche e culturali, al fine di realizzare i bozzetti precedentemente visti e studiati.

20180915_204530.jpg
20180915_234149.jpg
20180916_003508.jpg
20180915_204401.jpg
gerano%2520notte_edited_edited_edited.jp
20180915_204435.jpg
71184356_2380380028708172_59965409195689
20180915_204518.jpg
71277127_2380379002041608_56721937468133
20180915_204729.jpg
70786887_2380381475374694_20096600286670
realizzazione 2_edited.jpg
Home: Servizi

i tappeti

994339_720194384663607_1439017478_n.jpg
IMG_0419.JPG
526888_720194147996964_799430063_n.jpg
papa.jpg
giona da inviare.jpg
s.alfonso.jpg
inf16.JPG
t. m.d. grazie.jpg
Home: Inventario

Maria SS. Addolorata

la devozione alla vergine

DSCN6430.JPG

L'origine della devozione alla Vergine Addolorata, che si venera nella Parrocchia di Casatori, risale all'inizio della seconda metà del XIX secolo. Un'antica tradizione popolare ha trasmesso, fin ad oggi, un prodigio avvenuto nel 1854: una signora di Casatori chiese alla Madonna la salvezza del figlio caduto tra le macine del mulino. Il parroco ed i fedeli fecero preghiere e penitenza supplicando la Vergine Addolorata di consolare quella povera mamma. Dopo un intenso lavoro i soccorritori estrassero vivo il giovane dal mulino; tutti gridarono al miracolo, attribuendolo alla Vergine Addolorata. Questo straordinario evento pare velato nella cronaca parrocchiale, scritta dal parroco del tempo Don Rocco D'Ambrosi, il quale riferisce: “La statua dell'Addolorata fu fatta a Napoli dai Fratelli Salzano scultori, nell'anno 1854 per un voto fatto da una divota Maria Siano che sborsò per tale oggetto ducati 50; il resto poi fu tutto del parroco di quel tempo il Rev. Don Rocco D'Ambrosi fu Bernardo di S. Valentino. Essa immagine fu benedetta nella parrocchia di S. Valentino e poscia processionalmente fu trasportata in Casatori nel dì 10 novembre 1854. 
Quivi si cantò messa solenne dal M. Rev. Parroco di S. Valentino Don Salvatore Ruggiero e il parroco di Casatori Don Rocco D'Ambrosi ne tesse l'orazione panegirica”.
Da quel giorno l'amore verso la Vergine Addolorata è andata sempre più crescendo, tanto da offuscare la devozione alla stessa titolare della parrocchia. Il culto alla Vergine Addolorata è tanto ben radicato, che oggi viene anche semplicemente chiamata la Madonna di Casatori. Verso la fine di questo secolo è nato come segno di omaggio alla Vergine, L'Infiorata;  essa trae la sua origine dalla tradizione dei fedeli che erano soliti cospargere le strade di fiori e foglie al passaggio processionale della sacra statua. Si auspica che tale omaggio a Maria aumenti non solo nei fedeli di Casatori ma in quanti a Lei ricorrono, una sempre più viva ed autentica venerazione alla Vergine Addolorata, perché, illuminati dalla sapienza della Croce, sappiano offrire al Suo Divin Figlio, il dolore per la redenzione e la santificazione propria e dell'umanità.

Home: Chi siamo

offerta alla Vergine

La storia della Chiesa è immensamente ricca della relazione esistente con la Madre di Gesù. Questo è affermato, non solo attraverso testi di autori importanti, ma visitando i luoghi di culto, si trova sempre una iconografia mariana. Nel cuore della Chiesa è viva la forte testimonianza che essa custodisce gelosamente verso tale Madre, al fine di accogliere inviti e richiami all’autentica vita di fede. Maria, in sostanza, è la creatura amata da Dio e donata all’umanità come mezzo di piena conformazione a Cristo. Maria, nel piano della Salvezza, è corredentrice e mediatrice di grazie; ed è proprio “per grazia” che anche nella nostra piccola comunità Ella ha voluto far sentire la Sua presenza.
È questa fede viva che fa nascere, nel 1996, l’Infiorata in Suo Onore; ed è la constatazione in questi  anni, di una fede incrollabile, che ci ha spinti a coniugare, accanto all’Infiorata, l’Omaggio floreale alla Vergine Addolorata, l'offerta floreale, che i fedeli, divisi in sei contrade, portano in processione alla Vergine, che li attende in Largo Tringiale, dove viene allestito un tappeto verticale figurativo, ispirato al teme annuale dell'infiorata.

Home: Chi siamo

le contrade

IL GELSO.tif

il Gelso

Questa contrada è composta dagli abitanti di via Provinciale, e via Fosso Imperatore. Indossano una mantella di colore rosso, sulla quale è collocato uno stemma ove è rappresentato il gelso. Il nome è nato scrutando la nostra storia locale; infatti, all’inizio del secolo scorso, in via Provinciale si sviluppò la coltivazione del baco da seta, che era di sostegno alle famiglie, grazie alle filande che vi erano a Sarno e a Nocera Inferiore. Successivamente, si sostituisce tale coltivazione con le piantagioni di tabacco e, in tempi più recenti, con la coltivazione del pomodoro San Marzano. Oggi, lungo questa strada, quasi completamente edificata, restano, a testimonianza dei tempi che furono, alcuni alberi di gelso che nel silenzio e nella fragranza della loro fioritura, tramandano a noi i tempi passati.

il Giglio

Compongono la contrada Giglio gli abitanti  di via S. Longobardi, via Murelle, vico De Marinis, via San Giuseppe, vico Strianese, vico De Benedettis, vico Corvino e via Santa Maria delle Grazie. Il colore della mantella è fucsia e sullo stemma vi è ricamato un giglio. La scelta di tale simbolo è nata dal fatto che in via San Giuseppe si trova una antica cappella dedicata al Santo Patrono dei lavoratori, originariamente appartenuta alla Famiglia Capace Minuolo, il cui primo palazzo qui si trovava, prima di trasferirsi a Valentino in Piazza S. Croce. Oggi questo luogo di culto è di proprietà della Parrocchia Santa Maria delle Grazie. Essendo la comunità e l’intero Centro Storico di Casatori legato a questo Santo ecco che abbiamo voluto racchiudere in questo simbolo tale appartenenza, che è anche segno di venerazione e di intercessione.

IL GIGLIO.tif
CAPECI MINUTO.tif

la Leonessa

Compongono la contrada Leonessa gli abitanti di via Zeccagnuolo, via Diaz, via Mons, Cesare Quadrino, via San Vincenzo
e via Sanguette. Il colore della mantella è blu e sullo stemma vi è ricamata una leonessa. Questo è il simbolo dell’antico
stemma nobiliare della famiglia Capace Minutolo, signori feudatari di queste terre nel XIV secolo. Si è pensato di attribuire a tale realtà questo simbolo, perché immagine di rinascita e presenza trasformante sul nostro territorio; infatti, come questa illustre e nobile famiglia napoletana, ricca di fede e fortemente legata alla Chiesa, nella comunione al papato, è stata mezzo di crescita; così gli abitanti di questa zona della nostra comunità, realtà nuova e in fase di sviluppo, possano essere segno di vita e fonte di novità.

la Spiga

Questa contrada è costituita dagli abitanti di  via G. Longobardi, Via della Spiga, via Mulino, via Maestra Maria Carino,  e via Servitelle. Il colore della mantella è viola e sullo stemma vi è ricamata una spiga. Tale simbolo è legato all’esistenza di un Antico Mulino, dove i nostri cittadini erano soliti recarsi per macinare il grano. Ed è proprio grazie a questo luogo storico che inizia la devozione alla Vergine Addolorata.

LA SPIGA.tif
LA TORRE.tif

la Torre

La contrada Torre è composta dagli abitanti di via Diaz, vico Giudice, vico Cascone, via Galileo Galilei, via Toria e Largo Tringiale. Sono rivestiti con una mantella di colore bordeaux, sulla quale è ricamata una torre. La scelta di tale simbolo nasce dalla lettura della nostra storia locale, infatti, in Largo Tringiale, ancora oggi, possiamo mirare la restante antica torre, unica certa realtà, dopo la cappella di San Giuseppe, che tramanda a noi i resti dell’antico palazzo appartenente alla famiglia dei Capace Minutolo. Essa, ancora oggi, è testimonianza di una epoca che narra gli eventi di un periodo florido e gaudente.

il Rivo

Compongono la contrada Rivo gli abitanti di via Sciulia, via San Severino, via Forgione. Il colore della mantella è fucsia e sullo stemma vi è ricamato un giglio.La scelta di questo simbolo è dovuta al fatto che questa contrada, è bagnata dalle acque del rivo San Marino, affluente del fiume Sarno. Anticamente, per gli abitanti di questa zona le acque del rivo sono state una risorsa preziosa.

IL RIVO.tif
Home: Team

tappeto verticale

Il tappeto verticale è l'opera più spettacolare dell'intera manifestazione, sia per le dimensioni, 6 metri di larghezza per 10 metri di altezza, sia per la quantità di fiori, 100.000 circa, sia per la collocazione, al centro della piazza, ma soprattutto per il modo in cui viene realizzato. La struttura in legno, necessaria a supportare il tutto, è realizzata da mani di fedeli che durante la settimana antecedente la festa, la montano sotto la guida esperta di carpentieri e tecnici.  Gli acrobatici spostamenti sulla parete verticale per disegnare il soggetto da raffigurare. Le arrampicate, poi, di giovani e adulti per incastrare, tra le tavole in legno, i mazzi di fiori ce renderanno l'opera finita.

Home: Inventario
032_edited_edited.jpg
20140917_225724.jpg
20140919_200313_edited.jpg
20140919_221009.jpg
20140921_001838_edited.jpg
1237678_720126478003731_1328594635_n.jpg
20180915_024928.jpg
2011-09-17 04.05.39.jpg

storico passaggio

Home: Testimonianze
IMG_0120.tif
542240_719518134731232_1633776241_n_edited.jpg
_edited.jpg
551135_720621017954277_1042142394_n.jpg

piccoli infioratori

L’Associazione Culturale “Le Vie dei Colori”, in collaborazione con la Parrocchia S. Maria delle Grazie, con questo sezione dell'infiorata dedicata ai più piccoli si rivolge a tutti i ragazzi iscritti alla scuola media,  con l’obiettivo di incentivare la passione verso il disegno e verso quei riti e quelle tradizioni che sono l’unico ponte tra il passato dei nostri nonni e questo nuovo millennio.
L'invito, inoltre, a partecipare al concorso "Un bozzetto per l'Infiorata", è diretto a quanti, attraverso la creazione di un bozzetto per la realizzazione di un tappeto floreale, vogliono dare libero sfogo alle loro doti artistiche.

1185201_720193271330385_711908704_n.jpg
Home: Benvenuto
1238814_720193227997056_864083211_n_edited.jpg
20092010248_edited.jpg
foto%20piccoli%20Inf_edited_edited.jpg
WhatsApp Image 2023-08-03 at 11.52.33.jpeg
20092010252_edited.jpg
S7300474_edited.jpg
20092010241.jpg
20092010211_edited.jpg
Immagine 039.jpg
10647071_383785501773521_106400327451955
Home: Testimonianze

festival delle infiorate

Il Festival delle Infiorate all’interno dell’Infiorata di Casatori, nasce dalla voglia di far conoscere e valorizzare l’arte dell’infiorare, arte che vede molti comuni italiani e di altre nazionalità, impegnati, dalla settimana santa alla fine dell’estate, a rendere omaggio al Corpus Domini o ai propri patroni, con la realizzazione di queste stupende opere floreali.
L’esperienza del Festival, nata qui a San Valentino Torio nel 1998, unita ad altre simili realizzate inseguito negli altri comuni italiani, ha portato alla nascita di Infioritalia (associazione nazionale infiorate artistiche).
Una sezione dell'infiorata è dedicata a quelle città dove è tradizione realizzare tappeti di fiori.
In questi anni abbiamo ospitato gli infioratori di  Bracciano - Genazzano - Gerano  - Monterotondo  (Roma),
Sigillo - Città della Pieve (Perugia), Gambatesa (Campobasso), Pietra Ligure (Savona), Cervaro - Alatri (Frosinone), Norma (Latina), Rieti (Rieti), Corbara - Ogliara (Salerno), Vignanello (Viterbo),  Torre del Greco (Napoli), Fucecchio (Firenze), Cusano Mutri (Benevento),  Bueu - Castropol  - Elche d ela Sierra  (Spagna) e quelli di:

1239591_720165944666451_2096150068_n_edited_edited.jpg

maestri infioratori

infioritalia

Noto (Siracusa)

1231648_720165901333122_1186809769_n_edi

proloco poggiomoiano
infioritalia

Poggio Moiano (Rieti)

WhatsApp Image 2020-02-04 at 15.42.54.jpeg

associazione caledda
infioritalia

Galatone  (Lecce)

20180916_005321.jpg

maestri infioratori

infioritalia

Castelraimondo (Teramo)

20180916_005213.jpg

gruppo infioratori

infioritalia

Paciano (Perugia)

20140921_183043_edited.jpg

infioratori di fabriano

infioritalia

Fabriano (Ancona)

20140921_183125.jpg

gruppo infioratori 
san gemini

infioritalia

San Gemini (Terni)

20140921_183112.jpg

associazione maestri infioratori
infioritalia

Rocca Santo Stefano (Roma)

20140921_183147_edited.jpg

maestri infioratori

Genzano di Roma

ezechiele.jpg

saviano infiore

Saviano (Napoli)

20180916_005151_edited.jpg

infiorata di felline

Felline (Lecce)

20180916_024232.jpg

associazione san ciro

Portici (Napoli)

42290786_2247457128871902_55853653092728832_o_edited.jpg

associazione el Biberon

Elche de la Sierra

(Albacete - Spagna)

1239671_720166071333105_2046964386_n_edited.jpg

............

Tokyo - Giappone

576982_113646895454051_254741989_n_edite

Huamantala

Messico

Home: Team
Home: Testimonianze

edizioni passate

206.jpg
2 Locandina infiorata 2008.jpg
29.jpeg
inf. 202.jpg
prima .tif
man 2004.jpg
infio.jpg
2 Locandina infiorata 2008 (2).jpg
Depliants ultimo fronte.tif
MANIFESTO .jpg
61988_120886401396767_480424914_n.jpg
flyer (1)-1.jpg
1185123_10151878550198336_1280228301_n.jpg
Locandina.jpg
24132092_1002563969895668_803613581189037380_o.jpg
infiorata 2017.jpg
70x100 cm infiorata 2018.png
thumbnail_bozzetti%20Infiorata%202019_edited.jpg
man con fiori 2020.jpg
3 manifesto 2021.jpg
manifesto 2022 7.jpg
Man Infiorata 2023 Social (2).jpg

memories

momenti e faccie indimenticabili

zioe don.jpg
dora (2).jpg
inf in tv.jpg
2011-09-18 12.49.40.jpg
dora.jpg
S7300219.JPG
2011-09-12 17.35.59.jpg
548660_117053401780067_57576800_n.jpg
561951_720008414682204_262082084_n.jpg
Immagine%20108_edited.jpg
DSC_0009.tif
Gianfranco%20(485)_edited.jpg
Home: Team

viaggi

nicosia_edited.jpg

Nicosia
(Enna)

scorcio%20candela_edited.jpg

Candela
(Foggia)

pietra1 (2).jpg

Pietra Ligure 
(Savona)

32543_1127065113807_1626771_n.jpg

Monselice
(Padova)

PIC_0004copia.jpg

Torre del Greco
(Napoli)

a%20noto_edited.jpg

Noto
(Siracusa)

IMG_1134.JPG

Foz
(Vigo - Spagna)

IMG_1528.JPG

Venezia

DSCN1889.jpg

Poggio Moiano
(Rieti)

DSCN3735.jpg

Mottafollone
(Cosenza

VALENCIA2.tif

Valencia
(Spagna)

Dario 2.tif

Nocera Inferiore 
(Salerno)

DSCN0237.JPG

Elche de la Sierra
(Albacete - Spagna)

DSCN0378.JPG

Roma

34727793_635227416828744_470757277821829

Gerano (Roma)

13697104_731854270299974_5395496181892953248_n_edited.jpg

Bueu
(Galizia Spagna)

59969290_2162765457136298_69293805174479

Pietra Ligure
(Savona)

26052007(017).jpg

Torre del Greco
(Napoli)

64783724_358265458221631_630902658235891

Ogliara
(Salerno)

flagellazione.jpg

Poggio Moiano
(Rieti)

IMG_20171124_132255.jpg

Napoli

2012-06-30%2012.11_edited.jpg

Poggio Moiano
(Rieti)

20052012563.jpg

Monselice 
(Padova)

nocera2_edited_edited.jpg

Nocera Inferiore
(Salerno)

Home: Team

santa maria delle grazie

Home: Team
chiesa sera verticale.tif

la chiesa del XIV secolo

La Chiesa ha origine alla fine del XIV secolo per volontà del signor Nannulo Capece-Minutolo.
L’impianto originario si presentava a due navate, di cui una minore e l’altra maggiore, le cui cupole si affiancavano; la più grande, con la soprastante lanterna, era un episodio architettonico inusuale e suggestivo di tecnica di costruzione, che può essere ancora oggi ammirato.
Il primo ampliamento si ebbe nel 1592, con la costruzione della cappella della Madonna di Costantinopoli e la cappella della Madonna del Rosario.
Nel 1628 fu eretta la sacrestia e nello stesso periodo fu realizzata la terza navata con i relativi ambienti di servizio.
Le sue volte a crociera, di dimensioni inferiori in pianta e in altezza,rispetto alle navate preesistenti,palesano l’impianto seicentesco per tecnica costruttiva e per gli stucchi rifinitura.
La facciata denuncia un intervento ottocentesco nel quale si possono intravedere decori di tipo neoclassico databili non prima della metà del XIX secolo.
Chiusa nel novembre del 1980 a causa del sisma, ha visto il crollo della terza navata e di quella maggiore nel dicembre del 1996.
Nel 1999 dopo l’intervento della sovrintendenza di Salerno sono cominciati i lavori per la ricostruzione che si sono conclusi il 29 giugno 2002, quando l’edificio è stato riaperto al culto.
L’intervento di restauro curato, dall’architetto Fimiani ha mantenuto le caratteristiche della chiesa, lasciando inalterati gli stucchi dei vari ampliamenti avutisi durante i secoli. Gli unici interventi che hanno cambiato,per esigenze liturgiche, lo spazio presbiterale hanno riguardato la collocazione dell’altare seicentesco nella cappella laterale, lasciando l’abside ai nuovi arredi progettati degli architetti Galiani e Longobardi ai quali si deve anche il disegno della pavimentazione e delle panche.

I SAPORI ANTICHI
DELLA TERRA

gastronomia tipica

“L’oceano della beneficenza” si alimenta grazie alle diverse iniziative che a svariato titolo nascono.
Organizzare all’interno dell’Infiorata di Casatori l’angolo gastronomico è voler chiedere, ma anche dare.
Il reciproco donarsi, con la vostra partecipazione e con la maestria delle nostre signore, è giungere alla creazione di un progetto che ci sta a cuore. Aiutateci nella carità a realizzare questo sogno, gustate le nostre prelibatezze.

Home: FAQ

le stampe

addOLORATA%202_edited.jpg
cristo%20stampa%202_edited.jpg
stampa.jpg
stampa infiorata 2015 copia.jpg
stampa regalo 3.jpg
stampa 2013 definitivo.jpg
1stampa.jpg
stampa chiesa esterni con canzone.jpg
Home: Team

i nostri partners

Le Vie dei Colori 
associazione culturale

chiese s. maria delle grazie XIV sec. (19).JPG

Parrocchia
S. Maria delle Grazie

pagina web
l'onda logo.jpg

cooperativa sociale 
L'Onda

pagina web
Logo definitivo pgn.png

Infioritalia
associazione nazionele delle infiorate artistiche

TORIA_edited.png

 Associazione Sportiva Dilettantistica

TORIA

logo.png
Home: Team

Contattaci

Via Toria 9 , 84010 San Valentino Torio (Salerno)

+39 081 939120

Il tuo modulo è stato inviato!

Home: Contatti
bottom of page